Tra parola e silenzio: Landolfi, Perec, Beckett

Résumé : È possibile che un'opera d'arte, sia essa un romanzo, un racconto o una pièce teatrale, parli al lettore attraverso il silenzio? Questo saggio si concentra su questo paradosso, indagando il confine tra la parola e il silenzio nelle opere di tre autori del Novecento: Tommaso Landolfi, Samuel Beckett e Georges Perec. Ciò che qui si tenterà di illustrare, attraverso la mediazione teorica della linguistica saussuriana, la teoria del linguaggio di Jacques Lacan e la filosofia del linguaggio di Wittgenstein, è come in questi autori tale confine sia labile e spesso indistinguibile, arrivando a dimostrare come siano, in alcune opere, proprio i silenzi e i vuoti a essere luoghi privilegiati di interpretazione. In questo modo la funzione del lettore sarà quella di riempire i blanks, gli spazi bianchi di cui parla Wolfgang Iser, alla ricerca dell'interpretazione perché, come suggerisce Roland Barthes, "tutta la moneta logica è negli interstizi".
Document type :
Books
Complete list of metadatas

https://hal-univ-paris10.archives-ouvertes.fr/hal-01755365
Contributor : Administrateur Hal Nanterre <>
Submitted on : Friday, March 30, 2018 - 3:43:46 PM
Last modification on : Friday, August 24, 2018 - 11:30:33 AM

Identifiers

  • HAL Id : hal-01755365, version 1

Collections

Citation

Matteo Moca. Tra parola e silenzio: Landolfi, Perec, Beckett. La scuola di Pitagora editrice, 2017, Biblioteca di studi umanistici, 978-88-6542-537-4. ⟨hal-01755365⟩

Share

Metrics

Record views

46